News

Canone RAI uso privato, chiarimenti e Faq

L'Agenzia delle Entrate, sul proprio portale web (http://www.agenziaentrate.it), ha fornito importanti chiarimenti in merito all'addebito del canone RAI per uso privato nelle fatture elettriche a partire dal mese di luglio.

Si illustrano, di seguito, le problematiche affrontate dall'Amministrazione finanziaria.

Come avviene l'addebito in presenza di più contratti o in caso di voltura

Nel caso in cui una persona è titolare di due contratti di fornitura elettrica di tipo domestico residenziale (D2), l'Agenzia delle entrate chiarisce che il canone sarà addebitato sul contratto più recente.

Se, invece, il canone è addebitato su entrambe le utenze elettriche della tipologia "clienti residenti", è possibile richiedere il rimborso del canone non dovuto secondo le modalità stabilite con apposito provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate, il quale è in corso di emanazione.

Nell'ipotesi di nuova attivazione o di voltura di una utenza elettrica, il canone è addebitato dal mese di attivazione o voltura della fornitura, nella prima fattura elettrica utile.

Se il televisore era già posseduto prima di tale evento, viene chiarito che l'eventuale importo non addebitato deve essere pagato mediante modello F24.

Addebito del canone nel caso di disattivazione di una utenza elettrica residenziale

Nel caso in cui una utenza elettrica residenziale venga disattivata prima del primo luglio 2016 e una nuova utenza elettrica, sempre residenziale, venga attivata il 1° settembre 2016, nella prima fattura relativa alla nuova utenza saranno addebitate tutte le rate di canone nel frattempo maturate, salvo che sia stata inviata la dichiarazione di non detenzione.

Nel caso in cui si verifichi la disattivazione di una utenza elettrica residente in corso d'anno senza che venga attivata una nuova utenza elettrica residente, sempre nel corso dello stesso anno, nella fattura a conguaglio non verranno addebitate le rate di canone mancanti sino a fine anno.

Nel caso di passaggio da un fornitore ad un altro (switch), le rate del canone dovuto saranno addebitate dalle due imprese elettriche secondo i periodi di relativa competenza.

In caso di voltura dell'utenza elettrica ad un terzo, senza che sia attivata una nuova utenza entro la fine dell'anno, la somma residua corrispondente alle rate mancanti dovrà essere corrisposta mediante pagamento con il modello F24.

Variazione dell'utenza elettrica da "residente" a "non residente"

Nel caso di variazione dell'utenza elettrica da "residente" a "non residente" entro la data del 30 giugno, il canone non verrà addebitato nella fattura elettrica, poiché l'addebito interessa solo le utenze elettriche residenti.

In tal caso, il canone dovuto dovrà essere corrisposto direttamente dal contribuente entro il 31 ottobre mediante pagamento con il modello F24.

Termini e requisiti per l'efficacia della dichiarazione di non detenzione

Dal 1° gennaio 2016, secondo quanto previsto dalla legge di stabilità 2016, la titolarità di una utenza elettrica residente fa presumere la detenzione di un apparecchio televisivo.

Per superare tale presunzione, è necessario presentare la dichiarazione di non detenzione, compilando il quadro A della dichiarazione sostitutiva.

Tale dichiarazione, che ha validità annuale, produrrà effetti a seconda della data di presentazione, come stabilito nel provvedimento dell'Agenzia delle entrate del 24 marzo 2016 (vedi ns. circ. n. 4172016).

Se tra il 1° gennaio 2016 e il 24 marzo 2016, è stata presentata la dichiarazione di non detenzione, perché sono stati ceduti tutti i televisori in possesso, senza utilizzare il modello previsto, la dichiarazione può essere considerata valida purché abbia la forma di una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, resa ai sensi dell'art.47, D.P.R. n. 445/2000, e contenga tutti gli elementi richiesti dal modello di dichiarazione approvato per la specifica tipologia di dichiarazione resa.

Se tale documento non possiede i predetti requisiti, la dichiarazione è inefficace e il canone è dovuto per l'intero 2016.

Nel caso di presentazione della dichiarazione di non detenzione dopo il 16 maggio, ma entro il 30 giugno 2016, il canone dovuto è quello previsto per il primo semestre, che ammonta ad euro 51,03.

Nel caso in cui le dichiarazioni inviate per posta a ridosso del termine del 30 giugno non siano pervenute in tempo utile, per consentirne il corretto trattamento nella bolletta di luglio, è possibile richiedere il rimborso del canone addebitato e non dovuto.

©Bem Service Center Srl
Società Unipersonale  
P.Iva 08761490153 - Rea: 1246241
Capitale Sociale 10.400,00 euro
Via Annoni, 14 Abbiategrasso (Mi) 
Tel. 02 946 -6722 | Fax 02 946-4011
E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Privacy Policy & Cookie | Credit 

Seguici su Facebook

Vuoi essere sempre informato su scadenze, promozioni o l'arrivo di nuovi corsi di formazione?

Seguici anche su Facebok!

Leggi la tua posta - Ascom Abbiategrasso

Newsletter

Se vuoi essere aggiornato, sulle nostre promozioni, bandi e scadenze fiscali, iscriviti alla nostra Newsletter.

Riconoscimenti


Bem Service - Premio nazionale dell'innovazione

Conciliazione vita-lavoro 2012

Bem Service Center -  Vincitore  Premio Smau 2013